Rispondi

«Lui chi è?» la guardò, appoggiata alla balaustra del belvedere, con lo sguardo perso nella vallata.
Lei diede un breve tiro alla sigaretta, le volute di fumo le si mescolavano ai lunghi capelli fulvi, in balia del vento e della notte. Il lampione, dietro la sua testa, le dava quell’aura quasi di santa, un’aureola gialla, come quelle dei mosaici bizantini. Lo guardò un secondo, con gli occhi gialli e penetranti: di gatta più che di cerbiatta. Aspirò intensamente, serrando le labbra rosa attorno alla sigaretta e tornando ad ignorarlo, affondata com’era nella sciarpa di lana nera, un bel contrasto col rosso dei capelli.
«Quando tutto sarà finito torneremo a camminare sulla stessa strada.»

Annunci

10 thoughts on “Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...